Oddio cosa gli regalo?

Oddio cosa gli regalo?

Sta arrivando Natale e come tutti gli anni scatta il dramma di cosa regalare al proprio compagno o compagna (moglie, marito etc)

Per fortuna che c’è la fotografia!

NB: questo post è da prendere con leggerezza ed ironia (perché per la Fotografia servono solo le idee, il resto è comodità).

Troverete i voti divisi tra prezzo (più alta la votazione più il prezzo è ragionevole per quello che fa), utilità (usi pratici) e cultura (dove con quest’ultimo parametro si intende quanto possa migliorare le vostra arte fotografica).

Iniziamo questa lista con:

1) card_holderPorta memory card: niente più scuse per “cara ho perso le foto dei bambini”, “oddio dove avrò messo le schede, torniamo indietro” etc.

Ce ne sono vari modelli, a me piace il Think Tank Pixel Pocket Rocket  al modico prezzo di 17€ e passa la paura. Alcuni modelli contengono solo schede SD (sconsigliati perché il giorno che cambiate macchina dovete cambiare il contenitore).

Voti: prezzo 5/5, utilità 4/5, cultura 0/5

2) nikonNuovo obiettivo fisso: nell’era delle reflex vendute con gli zoom di scarsissima qualità, cambiare prospettiva usando un’ottica fissa che vi impone limitandovi l’inquadratura è uno delle migliori scuole che potete fare. Per nikon e canon ci sono ottimi 50mm 1.8 a prezzi vergognosamente bassi, (200€ circa il nikon AF-S nuovo di plastica, 100€ il nikon AF-D “vecchio di metallo”, 100€ il canon ). Fotograficamente rendono tanto dato che sono molto luminosi, pesano poco in borsa, il nikon è costruito discretamente, il canon è plasticaccia (non me ne vogliate canonisti) ma rende ugualmente bene. Se invece siete già un po’ smaliziati o avete un piccolo budget da spendere andate sul 35mm che è un’ottica che “apre gli orizzonti” e personalmente preferisco molto di più del 50mm che su APS-C/DX è troppo lungo (nikon sui 400€ per il 35mm f2, un po’ meno per il canon).

Voti: prezzo 5/5, utilità: 4/5, cultura 5/5.

gelatine3) Porta gelatine da flash: con i colori la creatività si impenna! Se usate un flash in modalità off-camera, ovvero staccato dalla macchina, questo è il passaggio successivo per ottenere immagini diverse e sperimentare le enormi possibilità di questo metodo di illuminazione. Su amazon trovate sia la versione da studio (per i flash normali) che per quelli a slitta, all’incirca sui 30€ di spesa divertimento invece infinito!

Voti: prezzo 4/5, utilità 4/5, cultura 3/5.

4)shapeshifter kata Zaino fotografico: se usate le borse… è ora di smettere (se fotografate tanto preparatevi al conto dell’ortopedico). Gli zaini sono più comodo e ne esistono duecento versioni, dai monospalla (sconsigliati), a quelli con apertura rapida (se dovete fotografare di fretta perché non avete la macchina in mano?), a quelli antiscippo con l’apertura sulla schiena per i più ipocondriaci. Sugli zaini piccoli la differenza è poca, trovate un modello che sia congeniale mentre su quelli più grandi cambia tutto; personalmente mi piacciono due modelli il Think Thank Shape Shifter che ha la particolarità di potersi comprimere e diventare sottilissimo (oltre ad avere le tasche in neoprene) e il Kata UL 255, leggerissimo, capientissimo insomma lo zaino definitivo.

Voti: prezzo 1/5 (si fanno pagare cari, anche se online si riesce ad ottenere un bel risparmio), utilità 5/5, cultura 0/5.

Sala pose 3005) Abbonamento sala pose: avete la macchina foto, obiettivi ed idee ma è inverno piove e fa freddo. E allora perché non portare i vostri soggetti in una sala pose attrezzata? In base a dove abitate ne potete trovare di tutti i tipi e con tutte le attrezzature luci che vi servono. Su Torino ovviamente non posso che consigliarvi Sala pose Torino mentre su Roma Sala pose Roma.

Voti: prezzo 5/5 (considerando che potete usare attrezzatura molto costosa ad una frazione di costo), utilità 4/5, cultura 4/5 (se la persona che la gestisce vi segue c’è sempre qualcosa da imparare).

verne6) Libri non fotografici: avete già tutti i libri di McNally? Bene, è ora di distrarvi con qualcosa che non centra direttamente con la fotografia. Consigliatissimi “Lo zen e il tiro con l’arco” di Herrigel e “World War Z” di Brooks (il film è una schifezza, il libro è invece fantastico) o la raccolta dei racconti di Jules Verne (si quello di ventimila leghe sotto i mari). Coltivare l’ispirazione e le idee è fondamentale.

Voti: prezzo 5/5, utilità 1/5 (se li usate per fermare il tavolo che balla), cultura 5/5.
puglia7) Viaggiare: anche solo un weekend lungo in qualche posto che non avete ancora visitato è oro per la l’ispirazione fotografica e per tornare in pace con se stessi. C’è una regola fondamentale: per realizzare fotografie interessanti bisogna mettere qualcosa di interessante davanti all’obiettivo.

Voti: prezzo 2/5 (basta stare lontano dalle mete famose), utilità 0/5, cultura 3/5.

ps: nell’articolo un’immagine di “archivio” scattata tanti anni fa in Puglia che ogni volta che guardo mi ricorda l’Inverno.

fotografo professionista torinese, adora viaggiare, il sushi, la Guinness e la musica rock.