Nuda. Federico

Nuda. Federico

Il progetto Nuda. conclude questo primo giro di fotografie e riflessioni con l’ultimo set.
Quante volte abbiamo sentito, nel caso migliore, la frase che il corpo femminile è più bello?
Quante volte il corpo maschile è esibito solo a patto di essere dimostrazione di machismo?

Abbiamo creato un immaginario dove il corpo femminile è un oggetto ed è così onnipresente da voler trasformare il corpo maschile in qualcosa di irreale, da una parte esagerato e sovradimensionato con muscolature impossibili, senza dosi abbondanti di ormoni, e dall’altra renderlo efebico perché richiami il pensiero schiavitù dell’unico modello di bellezza imperante.

Ci stiamo scordati che il “modello” di bellezza maschile e femminile sono due facce della stessa medaglia e hanno gli stessi presupposti: la bellezza è armonia nelle proporzioni e nell’accettazione di sé. Dobbiamo coltivare la nostra salute psicofisica tutti i giorni, un passo alla volta, tralasciando gli estremismi e cercando di avvicinarci ad un equilibrio che muta ogni giorno.

Come? Ognuno lo deve cercare da se durante l’arco della vita perché siamo simili si ma tutti diversi e non c’è ricetta già pronta che può funzionare per tutti. L’unica cosa che ci accomuna è che siamo esseri umani e abbiamo un cuore ed un cervello e non è una cosa da poco. Dobbiamo solo imparare ad usarli.

Modello: Federico Itri
Assistente: Marina Zaia

fotografo professionista torinese, adora viaggiare, il sushi, la Guinness e la musica rock.