Da lightroom a photo mechanic

Da lightroom a photo mechanic

Adoro Lightroom. Lo uso dalla primissima versione e ha cambiato il mio modo di organizzare e decidere quale foto far emergere e quale mandare nell’oblio.

Penso che sia uno di quegli strumenti che abbia migliorato indirettamente la mia fotografia anche perché la selezione è spesso il tallone d’Achille dei fotografi ed invece è proprio lì che agendo nella maniera più spietata possibile si può crescere.

Purtroppo negli anni Lightroom è diventato un lento brontosauro: sarebbe bello se Adobe permettesse di rendere il tutto modulabile e mandare (a scelta) nell’oblio il modulo “mappa” “libro” “web” perché personalmente non mi sono MAI serviti e ne farei volentieri a meno.

Inoltre supportato da un discreto hardware Lightroom rimane veloce nello sviluppo e comodissimo per la sincronizzazione dello sviluppo per foto simili, sopratutto da quando lo si fa con le anteprime avanzate, e per la successiva estrazione i preset sono fondamentali.

Invece il modulo libreria è un brontosauro azzoppato e a cui hanno inchiodato la coda a terra: questo perché nonostante si possano creare in fase di importazione le anteprime (dalle minime alle 1:1 più le avanzate) il passaggio da una foto all’altra, sopratutto se fatto molto velocemente introduce tempi di caricamento di 1-3 secondi affinché la foto si visualizzi e i comandi siano reattivi; questo nonostante un i7 7700k a 4.2ghz, 16giga di ram a 2400mhz e una bella ssd, che oggi è una configurazione di tutto rispetto e sovrabbondante per questo tipo di lavorazioni.

E che sarà mai un secondo (caso migliore) per passare da una foto all’altra?

Immaginate che dopo un servizio di matrimonio si portano a casa… circa 1500 scatti… a cui si sommano quello del secondo fotografo per un totale di 3000 fotografie da guardare e selezionare per raggiungere circa 500-800 buone.

Personalmente dopo anni di fotografia mi soffermo raramente su una foto ed in fase di selezione riesco a guardare 2-3 foto al secondo: questo perché spesso si scattano 2-3 foto in sequenza e bisogna scegliere l’espressione migliore o il sorriso giusto etc.

3000 secondi sono 50 minuti (caso migliore). Un’ora a servizio buttata nel cesso. Considerate che in una settimana si fanno almeno due servizi grossi e 4-5 più piccoli e vedete come tempus fugit.

Un’ora è un sacco di tempo quando hai una famiglia e vuoi passare del tempo con le persone che ami: può fare la differenza per raccontare una storia alle tue figlie o per vederle già addormentate.

In un’ora leggi  un sacco di pagine di libri o guardi una puntata del tuo telefilm preferito, o anche solo ascolti un buon disco mentre sei a mollo nella vasca da bagno.

Così ho cercato un’alternativa e ho provato Photo Mechanic di una piccola software house che ad un prezzo irrisorio (e ha 30 giorni di prova) ha risolto brillantemente i miei problemi di selezione: legge infatti istantaneamente il piccolo jpg a bassa risoluzione integrato nei RAW (perché lightroom non usi questo metodo rimane un mistero) e permette di taggare le foto con stelline poi facilmente leggibili da lightroom stesso.

Per far funzionare tutto perfettamente dovete attivare (una volta sola)le seguenti opzioni:

da lightroom, impostazioni catalogo, metadati attivare “scrivi automaticamente modifiche in XMP” che tra l’altro è un’impostazione fondamentale se passate da diversi programmi / sistemi operativi / vi esplode il catalogo.

Dentro photo mechanic, preferences, color classes cliccate sul fulmine e selezionate lightroom così che ai tasti 1 2 3 corrispondano i colori più utili come rosso giallo verde, poi in contact sheet scegliere come sorting method capture time (se usate più macchine), ed in files “always update XMP label when changing color class”.

A questo punto dopo aver assegnato i colori alle foto (nel mio caso tasto 1 rosso selezione, tasto 3 verde perfetta) andate su  tools, remap, color class to rating, e nel mio caso trasformo le rosse in 1 stella, le verdi in 3 stelle.
Ho Impiegato più tempo a scrivere queste tre righe che a fare la selezione.

Aprendo lightroom se avete già importato le foto dovete fare in libreria tasto destro sulla cartella e sincronizza cartella.

 

Facendo così snellirete il vostro workflow e guadagnerete un sacco di tempo. Mica male no?

fotografo professionista torinese, adora viaggiare, il sushi, la Guinness e la musica rock.